Medici, infermieri e ‘cattive notizie’


di Elisabetta Cofrancesco, medico e psicoterapeuta.

Secondo un sondaggio di Medscape Medical News (1) metà dei medici intervistati (51% su un totale di 222) e due su cinque degli infermieri intervistati (44% su un totale di 145) affermano di aver rimandato la comunicazione di cattive notizie ai pazienti.

L’emozione che il medico prova più frequentemente nel dare cattive notizie sarebbe l’ansia (55%), poi senso di fallimento (36%) e frustrazione (32%). Parimenti tra gli infermieri prevale l’ansia (59%), e quindi frustrazione (32%) e senso di fallimento (27%). Alcuni hanno persino provato rabbia (il 6% degli infermieri e il 9% dei medici). A determinare queste sensazioni negli operatori sanitari sarebbero le reazioni emotive del paziente (66%) e dei famigliari del paziente (53%), difficili da gestire. Altri fattori determinanti includono la [non] possibilità di accedere a uno spazio privato, la mancanza di tempo, e soprattutto la carenza di formazione dell’operatore su come fornire cattive notizie.

Un medico di terapia intensiva ha affermato che esiste un vuoto nella formazione medica sul tema di come comunicare cattive notizie, motivo per cui i medici si sentono in difficoltà. La necessità di una maggiore formazione è stata rilevata anche in un’indagine del Baylor University Medical Center condotta tra 54 partecipanti al Dipartimento di Chirurgia (17 donne e 37 uomini) (2).

Il sondaggio ha rilevato che quasi tutti gli intervistati (93%) ritenevano che fornire cattive notizie fosse un’abilità molto importante, ma solo il 43% riteneva di avere la formazione per farlo in modo efficace.

Un’infermiera che ha commentato il sondaggio di Medscape Medical News ha dichiarato: “Ho scoperto che la maggior parte delle persone desidera conoscere i risultati il più presto possibile dopo gli esami diagnostici. Anche se inizialmente possono avere una reazione emotiva molto forte, vogliono saperne di più sulle possibilità di trattamento e sulle cure palliative “. E ha aggiunto: “Non è nel nostro diritto nascondere queste informazioni”.

Il dottor Caplan ha riportato il caso di un collega che aveva diagnosticato un cancro ai polmoni, incurabile. Il dottore sapeva anche che il paziente stava andando in crociera per 2 settimane, tuttavia decise di rimandare la comunicazione della diagnosi al paziente: il paziente andò in crociera, contrasse la polmonite e morì. Il dottor Caplan commentò dicendo che in questo modo il dottore aveva tolto al paziente il diritto di decidere come trascorrere il tempo che gli era rimasto, ovvero il paziente avrebbe potuto rinunciare alla crociera e passare il tempo con la famiglia o prendersi il tempo necessario per sistemare i suoi affari.

“È importante la scelta del paziente”, ha detto il dottor Caplan, “quando non c’è molto più da fare per la medicina”.

(1)  Frellick M., Half of Doctors, Nurses Have Put Off Giving Bad News , Medscape , 2017, Nov 29

(2)  Kimberley R.M. et al. Delivering bad news to patientProc (Bayl Univ Med Cent). 2016, Jan 29

Leave a reply